Lo spettacolo

Leggi di più

Lo spettacolo narra un anno di vita della vigna attraverso una ventina di scene che si aprono e si chiudono con la vendemmia. Le scene illustrano i vari momenti di lavoro nelle vigne, come la defogliazione e la potatura, passando a momenti più sociali, come il Matrimonio e la festa di Saint-Martin, fino a toccare temi più generali come le stagioni, l’acqua, la luna e il cosmo. Affronta temi come il legame tra l’uomo e la natura e rende omaggio all’antica competenza degli operai delle vigne. Nel cuore dello spettacolo spicca l’Incoronazione degli operai delle vigne ricompensati per l’eccellenza del loro lavoro dalla Confrérie des Vignerons. Il filo della storia è raccontato attraverso un commovente dialogo tra una bimba di nome Julie e il nonno che accompagna la nipote a scoprire le tradizioni e il lavoro nella vigna. Tre personaggi di « dottori » commentano con ironia e impertinenza la rappresentazione.

La musica si alterna tra brani d’insieme, orchestrali e piccole formazioni è accompagnata dal vivo dal Coro della Fête (500 coristi, 300 percussionisti, 150 voci bianche), dalle melodie della Fête (120 musici e fanfare), dalla Big Band (16 musicisti jazz), dai Percussionisti (40 elementi) dai Cori delle Alpi (36 cori) da un Piccolo Insieme (20 musicisti) e dai Pifferi e Tamburi (36 musicisti basilesi). L’Orchestra della Fête e il Gstaad festival Orchestra registrano la base in studio nella primavera del 2019.

Le coreografie delle scene sono interpretate da 5500 attori, attrici e comparse in costume, tutti abitanti della regione. Questo spettacolo completo, magico, grandioso, dinamico e poetico concepito a 360 gradi, fonde la musica ai canti in cui vengono espressi i poemi degli autori, fondendo i movimenti alle immagini e ai video che vengono proiettati nell’arena, sia su schermi giganti che su immense piattaforme LED. Per creare una settantina di costumi diversi indossati da attori, attrici, comparse e coristi, la costumista si è ispirata sia alle precedenti edizioni della Fête des Vignerons, con particolare attenzione agli acquarelli di Ernest Biélier del 1905 e 1927, sia ai costumi della tradizione vodese e friborghese. I costumi di animali, insetti e uccelli sono una delle novità legate alla drammaturgia dello spettacolo di Daniele Finzi Pasca.

GLI AUTORI DELLA FÊTE DES VIGNERONS 2019

Scopri gli autori

LE SPETTACOLO NARRATO DA …

Scopri lo spettacolo narrato da Daniele Finzi Pasca

Les costumes d’Etourneaux, de Cent pour cent et de Fourmi du spectacle, créations de Giovanna Buzzi, Photographe: Fred Mertz | Lundi13.ch © Fête des Vignerons

Image de synthèse, sous réserve de modification © Roberto Vitalini | Bashiba – Fête des Vignerons 2019

Scopri l’arena